venerdì 29 ottobre 2010

domenica 17 ottobre 2010

Una stagione l'autunno


L'autunno é anche questo, prime giornate freddissime e neve sulle montagne circostanti.

venerdì 8 ottobre 2010

Una stagione : l'autunno

Ho deciso di partecipare alla bellissima iniziativa di Kosenrufu Mama che ogni settimana pubblica una fotografia della stagione in corso.

Io ho deciso di mettere questo funghetto che abbiamo visto in un prato che ne era pieno, non sono assolutamente commestibili, ma sono molto belli e sono gli unici che io trovo !

a presto

Leyla


giovedì 7 ottobre 2010

Ritorno a Ford County di John Grisham

Ho ricevuto questo libro di John Grisham per il mio compleanno e mi é piaciuto molto.
John Grisham é uno dei miei autori preferiti, mi piacciono le sue storie e mi piace come scrive, di solito i suoi romanzi ruotano intorno al mondo legale, ma come già fatto per il bellissimo "La casa dipinta" anche qui si discosta dal suo stile originale.

Le storie sono ambiente nella Ford County, una regione rurale del Missisipi, e narrano episodi della gente del luogo, episodi che ci fanno riflettere, che ci danno da pensare, spaziando fra molti temi, della pena di morte, della capacità di saper prendere al volo un treno che non ripasserà, della solidarietà che un ragazzo bianco in punto di morte e altro ancora.

Un libro piacevole, dei racconti che si leggono in fretta, senza troppi personaggi da ricordare.
Ogni storia ha un suo racconto e non si interseca con gli altri.

a presto

Leyla

lunedì 4 ottobre 2010

Esposizione di Jette Clover


Presso il Quartiere Maghetti di Lugano fino al 10 ottobre c'é la mostra "small notes, big stories" dell'artista Jette Clover.

La mostra é organizzata da QuiltArtLugano nel quartiere Maghetti vicino alla Chiesa di S. Rocco.

Partendo da francobolli di personaggi famosi, l'artista crea delle cartoline di ca 15x20 cm di stoffa, montate su pannelli di 30x40 cm.

Ci sono Charlie Chaplin, Frank Sinatra, i Beatles, Edith Piaf, Babe Ruth, il Papa, per citarne solo alcuni.

La mostra mi é piaciuta, a mio modesto avviso la definirei "arte Tessile", in quanto secondo me si scosta parecchio da quello che io considero Patchwork, un patchwork più tradizionale fatto da quilt e pannelli, con i motivi classici.
Una mostra da visitare perché molto interessante.

a presto

Leyla

giovedì 30 settembre 2010

Pensieri


Ho visto questa frase spesso in facebook, e stamattina l'ho vista anche su un blog, siccome mi piace molto copio.

La vita non é aspettare che passi la tempesta, ma imparare a ballare sotto la pioggia.

a presto

Leyla

lunedì 27 settembre 2010

Random Act of Kidness

Il "compito" per il random act of Kidness di questo venerdì era di dedicare del tempo a noi stessi e di regalarci 10 minuti di vero divertimento e di raccontarlo.

Devo dire che riesco a ritagliarmi degli spazi da dedicarmi per cucire o fare cose che mi piacciono, ma venerdì mi sono concessa una bella passeggiata nel bosco, non ho trovato ne funghi ne castagne, ma mi sono rilassata moltissimo.
Mi dispiace solo non aver portato con me la macchina fotografica.
E' incredibile come non pensiamo mai a quanto bene possa farci stare a contatto con la natura, come sottovalutiamo la ricchezza che ci circonda.

Sono anche le piccole cose che ci arricchiscono la vita.
Le cose che mi hanno fatto stare bene della settimana scorsa sono :
  • la visita inaspettata del piccolo Elia
  • cucire con mia zia
  • i favori non richiesti che le mie ragazze mi fanno
  • incontrare uno zio che non vedevo da moltissimo tempo e chiacchierare per un'ora
  • mangiare lamponi, fichi e more direttamente dalle piante
  • una cena con gli amici condita da una marea di risate
  • una coppia di amici che si sta innamorando
  • raccogliere castagne d'india con Damiano
  • un pomeriggio ad una sagra di paese sempre con gli stessi amici
  • un buon giorno spiritoso da un collega
E voi che cosa avete fatto di bello per voi stessi? Vi siete dedicati del tempo?
Quali sono le cose che vi hanno fatto stare bene?

Ricordatevi che per fare stare bene le persone che amiamo dobbiamo prima di tutto stare bene noi stessi.

Buona settimana
Leyla

venerdì 17 settembre 2010

Random Act of Kindness

Seguo parecchi blog, uno di questi che leggo giornalmente é "La casa nella prateria", mi piacciono molto i post di Claudia e mi piacciono le sue iniziative.

Questa settimana in un post aveva parlato di Danny Wallace che ha costituito un gruppo e ha stabilito un giorno, il venerdì, per una buona azione nei confronti del prossimo.
Ha anche scritto un libro in cui si parla di come é facile fare una buona azione al giorno.

Claudia ha proposto di condividere questa bella iniziativa ogni venerdì, invitandoci a seguirla.
Per chi fosse interessato questo é il suo post che spiega bene di cosa si tratta, nel quale ci sono tutti i link per informarsi meglio e dove ci sono suggerimenti sulle buone azioni possibili.

Parla anche di un film "Un sogno per domani" che amo moltissimo e che ogni volta che passa in televisione guardo con molta commozione, che racconta di un ragazzino che propone un piano di "pay it forward" penso traducibile in italiano con "paga il favore".
In pratica dice che se lui fa tre favori o gentilezze a tre persone diverse, ed ognuna di queste persone a sua volta lo farà ad altre tre persone, i favori verranno distribuiti a macchia d'olio.
Un film assolutamente da vedere o da rivedere.

Recentemente ho letto anche un libro "Brodo caldo per l'anima", che mi é piaciuto molto, in cui vengono narrate brevi storie e alcune rientrano nel tema di questo post, ho visto che ne sono usciti altri due e sarà mia premura leggerli.

Sarà anche il libro che donerò, penso già di sapere a chi, quale gentilezza per questo venerdì.
Sul blog di Claudia questo venerdì c'é un bellissimo giveaway, basta lasciare un commento e regalare un libro, chiedendo alla persona a cui lo regalate di donare a sua volta un libro!
Pensate che magnifico effetto a catena potrebbe innescare.
Non mi iscrivo per raggiunti limiti di età delle mie figlie per il libro in omaggio, ma regalerò di sicuro un libro.

Mi auguro che parecchie di voi decidano di partecipare, perché fare una gentilezza non costa nulla, non ci prende troppo del nostro prezioso tempo, fa felice chi la riceve ma fa anche stare meglio noi che la facciamo.

Buon venerdì a tutti

Leyla

mercoledì 15 settembre 2010

Buona scuola

Dopo aver scritto il post sulle fasi delle vacanze, ho letto questo post, al quale sono arrivata tramite il blog La casa di Alchemilla.

In un post precedente parlavo della mia insegnate di cucito alle elementari, e di come nonostante tutto il cucito mi piaccia moltissimo ancora oggi.

Leggendo il post mi sono tornati in mente parecchi insegnanti che durante il mio percorso scolastico sono stati veramente dei Maestri per me, che mi hanno saputo comunicare una passione nella materia da loro insegnata, che mi hanno lasciato una voglia di approfondire e di imparare sempre.

Dalla maestra Rita dell'asilo, mio amica ancora oggi (e sono passati ben 35 anni), con la quale fino a giugno scorso approfittavo delle riunioni a scuola per rientrare a piedi e fare delle interminabili chicchierate.

In prima elementare Carmen, penso ai primi anni di insegnamento, per la quale non sono stata di sicuro un'allieva facile, sapevo già leggere e scrivere e penso che non ero facile da gestire, a casa parlo dialetto, e nonostante conoscessi bene l'italiano lo volevo parlare a tutti i costi anche a scuola !

Il resto delle elementari abbiamo avuto il maestro Dadò, che forse più di tutti ha saputo capire la mia curiosità, il mio voler sapere sempre di più e il voler imparare cose nuove.
Penso che mi abbia fatto venire una voglia di andare a scuola, un piacere nel sapere che conservo ancora oggi.

Alle scuole maggiori (oggi medie) ricordo con piacere il maestro Clementi, che incontro sempre con grande piacere e che si ricorda di tutti noi con una memoria incredibile;
Il maestro Mini, direttore della scuola, che ci insegnava geografia, materia da me adorata ancora oggi.
Il maestro Hofmann, seguivo con piacere le sue lezioni, nonostante non sia dotata per niente nel disegno, proprio per il bel clima che c'era in classe. Oggi insegna alle mie figlie, e il Vladi lo vedo agli incontri con gli insegnanti e non cambia mai, sempre giovane uguale !

Ho vaghi ricordi degli insegnanti del ginnasio, ma ricordo la maestra Siebenbühler che mi ha fatto amare i classici della letteratura italiana, da Verga a Pirandello; e il maestro Chiesa, che insegnava matematica, dopo un inizio un po' ruvido dovuto alle sue perplessità sul binomio matematica e ragazza bionda, quando ha capito che i numeri sono proprio una passione per me come per lui, ha cambiato opinione.
Lavoro quotidianamente con i numeri, quindi la passione continua...

Alla scuola per assistenti d'albergo, c'erano parecchi maestri veramente bravi, forse perché essendo una scuola professionale insegnavano la "loro" materia, qualcosa che avevano scelto come professione.
Al maestro di italiano, di cui purtroppo non ricordo il nome che ci diceva di coltivare i nostri sogni, che ci insegnava anche tramite le canzoni, che chiamava le poesie del giorno d'oggi.
Un abbraccio al maestro Caneva, insegnante di vini e di vita, che mi ha dato un grande esempio di bontà, che dava tutto se stesso anche al di fuori delle lezioni e che se anche non é più qui con noi, non dimenticherò mai.
Ma soprattutto la maestra Tina Raselli, grande insegnante, grande persona.
La prima in assoluto che ha creduto in me professionalmente parlando, mi piacerebbe poterla incontrare oggi per dirle grazie, la sua fiducia nei miei confronti é servita ad alimentare la mia e come aveva previsto ce l'ho fatta !

Alla scuola alberghiera di Bellinzona devo dire grazie al maestro Notari (che in un'occasione mi ha fatto da ufficio di collocamento) e al maestro Scolari, che mi hanno sostenuto nelle scelte scolastiche successive permettendomi di arrivare dove volevo, spronandomi a provarci
Y gracias a Chiara por el español, me gusta siempre mucho (lo parlo meglio di come scrivo).

Penso che nessuno di loro leggerà il mio blog, ma un GRAZIE DI TUTTO CUORE ad ognuno di loro, visto che alcuni insegnano ancora mi auguro che parecchi altri ragazzi possano ricevere quello che ho ricevuto io da loro.
Magari ho involontariamente lasciato fuori qualcuno che al momento non mi viene in mente ma che mi permetto di inserire in futuro in questo elenco.

Chiaramente in tutti questi anni di scuola ho avuto maestri che avevano sbagliato professione, maestri noiosi, maestri senza niente da trasmettere, maestri annoiati, maestri senza passione, maestri senza conoscenze pedagogiche.
Penso che il non citarli equivale al solco che hanno lasciato nella mia vita scolastica, molto lieve, quasi di superficie, come le nozioni che loro sono riusciti a trasmettermi.

Ho parlato qui solo dei miei maestri "scolastici", ne ho avuto parecchi anche sul lavoro, ma forse farò un post speciale.

Auguro a tutti i ragazzi che sono tornati sui banchi in questi giorni di incontrare nella loro vita parecchi Maestri che sappiano trasmettere a loro l'amore per lo studio.

Leyla

Fasi delle vacanze

Ogni anno l'inizio della scuola coincide ovviamente con la fine delle vacanze.
Questo chiaramente per gli studenti perché io ho diciamo sei fasi :

1. la fase delle mie vacanze in concomitanza con le ragazze, giornate piene di cose da fare, da vedere da sperimentare; giornate di lunghe colazioni in giardino se é bel tempo, di visite ai musei, di spese al mercato, di pranzi o cene etnici (un po' come i fine settimana).

2. la fase delle mie vacanze in concomitanza con le ragazze e il marito, giornate di sicuro vicino all'acqua, sia in riva al fiume o al bordo di qualche laghetto alpino; giornate piene di nuotate, camminate, fotografie e giochi all'aria aperta (a volte anche qualche pesce).

3. la fase delle mie vacanze in concomitanza con le ragazze, ma loro assenti per il campo scout o dai nonni in montagna; questo vuol dire relax allo stato puro, aperitivi, cene con gli amici e uscite a gogo.

4. la fase delle mie vacanze con gli altri a scuola e al lavoro, forse la fase che mi piace meno, ci si alza presto, poi tutti escono, a parte me, non si ha tempo per fare chissà che, non si va da nessuna parte perché arrivano a pranzo, non si fa tardi la sera perché poi c'é scuola,....

5. la fase delle loro vacanze e io al lavoro, fase che mi piace poco, più della 4 ma sempre poco, anche se la mattino non devo correre (vedi fase 6), vuol dire passare fuori gran parte della giornata e arrivare a casa abbastanza stanchi con due ragazze che hanno dormito un po' di più, hanno voglia di fare e alla sera non andrebbero mai a letto !
Questa fase comunque é forse la più corta delle sei visto che fra campi scout, vacanze dai nonni, corsi estivi, giornate al centro sportivo e fasi precendenti le 10 settimane di vacanze estive vengono ben impiegate.

6. la fase della routine, quella da settembre a metà giugno, intervallata da una decina di giorni di vacanza ogni 6-7 settimane per chi va a scuola qui in Svizzera come le mie figlie.
É la fase più grande, fatta di corse, di compiti, di cartelle mai pronte, di richieste di vestiti che sono sempre nella cesta da lavare o stirare, di sacchi per la ginna-per il nuoto-per musica-ecc., di colazioni al volo, di bus presi di corsa e a volte persi per poter restare una mezz'oretta in più con le amiche, di riunioni con la scuola, di attività extrascolastiche da coordinare,...
É la fase che ci fa capire che riusciamo a fare 1000 cose al giorno senza nemmeno rendercene conto, pensate se dovessimo annotare per un giorno tutto quello che facciamo !
Ne verrebbe un elenco che nemmeno noi immaginavamo.

Se penso che ho-abbiamo ancora davanti 9 mesi di fase 6 sono già stanca, ma sono sicura che come tutti gli anni passati ce la faremo ad arrivare indenni a giugno.

Buon anno scolastico a tutti gli studenti, ai docenti ma anche a noi mamme !

a presto

Leyla

PS: solo per la cronaca, da noi le scuole sono cominciate il 30 agosto !

lunedì 16 agosto 2010

Ci sono ci sono

Eccomi, non sono sparita, ma ho parcheggiato un pochino il blog e i lavoretti.
In effetti non ho niente di nuovo da mostrarvi, in quanto non ho prodotto praticamente niente.
D'estate, anche se lavoro, divento molto vacanziera, mi piace vivere all'aria aperta, trovarmi con gli amici, nuotare, leggere.
Porto sempre con me un semplice centrino che ho cominciato da una vita, diciamo una specie di imparaticcio, visto che di solito ce l'ho quando vado da mia suocera e lei mi insegna qualche nuovo punto o me ne fa tornare in mente qualcuno che ho imparato da piccola.

Quando ero piccolissima, passavo le giornata con la mia nonna Luisa che ricamava moltissimo, credo che abbia fatto la ricamatrice da giovane, ma non so se siano fantasie mie o se invece c'é un qualche fondo di verità.
Passava ore e ore a insegnarmi e a ricamare con me e io ricordo con molta tenerezza questi momenti.
Quando guardo le mie figlie ricamare con mia suocera, spero sempre che queste cose condivise possano essere un domani dei bei ricordi della loro infanzia e adolescenza.

Quando ho cominciato la prima elementare, c'era ancora il "lavoro femminile", ed io ho avuto la temutissima maestra Irene, oggi un'arzilla signora credo sui 90 anni che va ancora spesso a giocare a tombola.
Non mi piaceva fare lavoro femminile a scuola, e la maestra Irene era vicina di casa e amica di mia nonna e mi diceva sempre :
"Glielo dico alla tua nonna che non lavori bene"
ed io come per tutte le cose che mi venivano imposte, allora come oggi, ero veramente insofferente, e nascevano parecchi conflitti.

Cara maestra Irene, sono sicura che non leggerai questo post, ma voglio che tu sappia che se adesso mi piace così tanto ricamare, cucire e ogni genere di queste attività, lo devo a mia nonna, ma anche un po' a te e ricordo ancora ogni singolo lavoro che ho fatto durante le tue lezioni.

Comunque non so se ne avevo già parlato in precedenza ma a parte le lezioni di lavoro femminile, a casa trafficavo con lane e fili ecc.
Il vero amore per queste attività comunque é rinato, senza mai essersi spento, durante una mia vacanza di 22-23 anni fa a Pennapiedimonte, paesino in provincia di Chieti , ospite della famiglia Di Santo.
La nonna della mia amica Anna, le aveva fatto un corredo come si usava allora, non so se ora si fa ancora, composto da lenzuola, asciugamani, tovaglie, copriletti e altre meraviglie, tutte ricamate o all'uncinetto.
Da ogni singolo pezzo e da ogni singolo punto, traspariva l'amore che questa signora aveva messo nel creare qualcosa da trasmettere alle nipoti.
Forse senza che lei lo sappia, ha trasmesso molto anche a me, e parecchi anni dopo la ricordo ancora con molto affetto.

Cercherò di non aspettare due mesi per il prossimo post, ma nel frattempo sappiate che il tempo per sbirciare sui vostri blog lo trovo sempre, magari curioso solo, magari non lascio commenti, ma comunque vi seguo sempre.

Buona settimana e a presto
Leyla

venerdì 11 giugno 2010

Progetto Amore


Sembra che domenica 6 giugno nei nostri dintorni ci sia stata una concentrazione di eventi e manifestazioni, e non é stato facile scegliere a cosa partecipare.

Il mattino in parrocchia si sono festeggiati gli anniversari di matrimonio e si sono rinnovate durante la S. Messe le promesse, il tutto allietato da un coro del gruppo scout con alcune persone che sono venute a dar man forte.
Hanno cantato benissimo, speriamo di poterli risentire presto.

Durante la giornata c'é stata la festa all'oratorio, con la maccheronata, e un pomeriggio di giochi e attività.
Noi dopo esserci gustati la maccheronata siamo scappate a Chiasso, eravamo curiose di partecipare al secondo anno di Progetto Amore, manifestazione voluta da Pablo Meneguzzi a sostegno ogni anno di 4 enti benefici della zona (credo siano diversi ogni anno).
Siamo arrivate in treno a Chiasso e abbiamo camminato fino allo stadio comunale, non molto distante.
L'entrata era a offerta libera, poi c'erano le casse dove si potevano comperare i blocchetti con i buoni per le consumazioni.
Mi ha colpito fin da subito l'enorme partecipazione di persone e il clima da villaggio vacanze che si respirava.
Sul prato dello stadio erano state allestite parecchie tendine delle associazioni benefiche che con molta gentilezza si prodigavano a rilascire informazioni sulle loro attività.
C'era la possibilità di fare parecchi lavoretti, e le mie figlie hanno decorato con ottimi risultati dei ferri di cavallo portafortuna.
In un angolo c'erano parecchi castelli gonfiabili sui quali i bambini potevano divertirsi, mentre sparsi un po' ovunque punti di ristoro.
La giornata era afosissima, ed é stato piacevole rifugiarsi al Palapenz ad ascoltare TI-Factor, gara canora, che mi ha piacevolmente sorpreso, pensavo infatti di ascoltare qualcosa tipo La corrida e invece tutte le canzoni che ho ascoltato mi sono piaciute moltissimo, anche se poco sportivamente ma meritatamente e non solo per motivi campanilistici abbiamo fatto il tifo per Giulia Pelloni, della Capriasca come noi, vincitrice di questa seconda edizione.
Purtroppo per motivi di mezzi pubblici non abbiamo potuto assistere alla partita di calcio con la Nazionale Italiana Cantanti.
Penso che questa manifestazione verrà organizzata anche in futuro, e sarà mia premura informarvi per tempo, perché val veramente la pena di andarci !

Mi dispiace di non aver potuto partecipare alla Festa della Polenta in Valcolla, alla Tombola dei Parpavai e alla manifestazione Scollinando, ma purtroppo non ho il dono dell'ubiquità, spero in futuro che vengano organizzare in giornate diverse, per poterle "gustare" tutte.

Adesso scappo, perché fra qualche ora Lugano verrà messa sotto assedio per la partenza del Tour de Suisse e questa sera ci sarà lo spettacolo delle Fontane danzanti a partire dalle 22.00 in attesa del Prologo del Tour che per tre anni consecutivi dovrebbe partire proprio da Lugano, ma questa é un'altra storia che vi racconterò nei prossimi giorni.

Buon fine settimana
e a presto

Leyla

martedì 1 giugno 2010

Nuovo blog




Diverse mie amiche mi hanno fatto notare che il blog va decisamente a rilento e hanno proprio ragione.
Ma ultimamente non ho molto da farvi vedere sul versante del patchwork e del cucito, anche se lavoricchio sempre.
Leggo molto come sempre, approffittando delle lunghe ore sui mezzi pubblici e ve ne parlerò presto.

Ho deciso di aprire parallelamente a questo blog, un altro mio blog che parla di fotografia, o meglio più che parlarne, vorrei mettere le mie foto.

Ho provato a vedere i diversi programmi dove le foto vengono messe, ma li ho trovati un po' impersonali, ho preferito quindi un blog dove posso commentare le immagini.

Lo so, non risesco ad aggiornarne uno, figuriamoci due ..... ma tanto nessuno mi rincorre no ?

A proposito il blogi si chiama Solo 100 ? andate a scoprire perché.

a presto

Leyla

martedì 11 maggio 2010

Il mio ripostiglio

Vi consiglio di visitare il nuovissimo blog della mia amica Fausta cliccando qui, fa delle cose veramente belle e lei é una persona assolutamente favolosa.
Avrei voluto caricare delle foto dei suoi lavori ma non ci sono riuscita, mi vengono troppo grandi, vi conviente andare a curiosare direttamente.

Ci siamo conosciute un paio di anni fa (credo) ad un corso, fin da subito mi ha colpito la sua generosità, abbiamo consolidato la nostra amicizia chiacchierando e sfogandoci e spesso offrendoci una spalla su cui piangere, fortunatamente ancora più spesso scambiandoci battute per risollevarci il morale dopo una giornata pesante e dicendoci delle carinerie fra di noi.
Nonostante sia la causa delle mie poche ore di sonno visto che chattiamo in facebook a lungo, sono molto contenta e fortunata ad avere un'amica come lei.

Ti voglio bene !!!

Buona settimana a tutte e a presto

Leyla

martedì 4 maggio 2010

Block of the months

Seguo il blocco del mese del sito Fat Cat Patterns che ha moltissimi modelli free sempre disponibili, e un pannello con un blocco del mese.

In questo periodo stanno proponendo il seguente modello :


In effetti più che dire blocco del mese in questo caso si chiama una riga al mese, che loro mettono a disposizione per 30 giorni, quando pubblicano il nuovo il blocco precedente non é più disponibile.

Per questo motivo, visto che non riesco a stare al passo, salvo sul mioPC mensilmente le schede in formato PDF, purtroppo non riesco più a trovare la riga con i pinguini, non é che per caso qualcun altro lo sta facendo e me la potrebbe inviare?

Se non dovessi trovarla proverei a farla basandomi sulle altre righe, ma i modelli sono così ben disegnati che sarebbe molto più facile lavorare con il disegno originale.

Se non state seguendo questo progetto andate comunque a dare un'occhiata, nella sezione del Natale ho scaricato un pupazzo di neve che si scioglie che farò di sicuro, alcuni blocchi con le galline che trovo simpaticissime nella sezione Chickens e parecchi animali per miniquilt da bambini, senza contare anche i progetti completi per miniquilt.

Buon lavoro a tutti e a presto

Leyla

giovedì 29 aprile 2010

Vista dalla finestra

Questa é la vista che ho ogni mattina dalla finestra della camera, é una grandissima mimosa, con alle spalle un ciliegio.
Questa foto é fatta nei giorni scorsi, in fatti di solito per l'8 marzo é ancora tutta verde, quelle rare volte che é già fiorita, parecchie persone si fermano a raccogliere i rametti.

Questa sotto invece é una foto scattata quest'anno il 10 marzo mentre mi stavo preparando per andare al compleanno di mia sorella, per questo mi ricordo la data.....



Va bene che a volte é ancora verde perché siamo a ca 580 mslm, ma addirittura bianca non succede spesso.

Ho cambiato anche la foto del profilo, ne ho messa una che mi ha scattato Anastasia domenica durante una lunga passeggiata nei boschi, la trovo più primaverile e meno "ingessata"

Buon fine settimana a tutti

Leyla

martedì 20 aprile 2010

Il Sangue dei fiori


Il libro di cui vi parlo oggi è " Il Sangue dei Fiori" di Anita Amirezzvani.
E' un libro che mi è piaciuto moltissimo, ambientato nella Persia del XVII secolo e racconta di una ragazza che poco prima che le venga assegnato uno sposo si trova a dover rivedere la sua posizione a causa della morte del padre.
Per poter sopravvivere deve andare con la madre a casa di lontani parenti, non sapendo cosa il destino le serberà.
La sua dote principale é una grande voglia di creare tappeti, arte in cui é brava e molto veloce, ma la situazione femminile non è di sicuro facile, e la protagonista deve lottare molto per non cadere nella schiavitù e nell'indigenza.
Fa da sfondo una Persia che non c'è più, da racconto da "1000 e una notte", eppure ancora oggi così attuale.

Mi é piaciuto soprattutto perché l'ho trovato non scontato, non é il solito libro dove alla protagonista
o vanno tutte storte per poi "risorgere" con un finale eclatante
o le va sempre tutto bene
la trama viene raccontata come avrebbe potuto effettivamente essere la vita di una qualsiasi ragazza in quel periodo e contesto.

Anche questo libro l'ho letto tutto d'un fiato, e dalle primissime pagine sono corsa a comperare dei datteri, che vengono menzionati spesso e che mi facevano proprio venire l'acquolina in bocca, visto che nel romanzo vengono menzionati spesso.


a presto

Leyla

lunedì 12 aprile 2010

Voglia di primavera




La foto decisamente non é attuale !
L'ho messa per ricordarmi che abbiamo avuto un buon autunno decisamente mite, seguito da un inverno freddo nel quale abbiamo avuto diverse volte la neve (che mi piace moltissimo)....
Ma che sabato scorso 3 aprile abbiamo visto qualche fiocco anche se siamo a ca 500-600 m di altitudine e che da ieri é tornato freddissimo con tutte le montagne dei dintorni innevate mi fa venire voglia di primavera!
Ci sono giorni che ci illude, giornate bellissime e caldissime, che sono purtroppo seguite da giornate fredde e ventose che fanno dire a tutti : é tornato l'inverno.
Lancio un appello a chi di dovere :
"va bene se non ci mandi la primavera il 21 marzo, sappiamo che hai parecchio da fare, ma non ci dispiacerebbe averla prima del 21 aprile, grazie di tutto cuore".

Ho voglia di mettere vestiti un po' più leggeri, di mangiare in giardino, di cominciare il nostro orticello, di fotografare fiori appena sbocciati, di fare gite in montagna e di cucire nel mio locale senza il mantello!

Per quello che riguarda il cucito, sono a buon punto con i due pannellini di cui ho parlato in un post precedente, e stò facendo un esperimento per un coperta Log Cabin di cui ho visto una foto girondolando fra i blog, ma non essendoci tutorial, ho fatto prima una specie di schizzo.
Ho scelto dei colori autunnali, mi auguro di aver fatto almeno il top per l'autunno (sogno la primavera e progetto per l'autunno, ah ah ah).

Ieri abbiamo festeggiato la Prima Comunione della mia nipotina, nonché figlioccia, Amedea Matilde, la cerimonia in chiesa é stata molto bella.
Abitano in una piccola valle, la Val Colla, e essendo pochi bambini, si é potuto dare la giusta dimensione ad ognuno di loro, rendendoli protagonisti di questa giornata speciale.
Cosa che purtroppo si perde un po' quando i bimbi sono una cinquantina come qui da noi.
Come per la cresima di Lucrezia, abbiamo mangiato alla sede scout, dove Giorgia (mia sorella) e Raffaella hanno allestito un buffet freddo degno dei migliori chef, il cibo era ottimo e abbondante (é bastato anche per la cena), presentato benissimo e con fantasia, complimenti davvero!
Abbiamo fatto qualche foto, ma io non avevo la macchina, se dovessi riceverne una ve la pubblico in futuro.

Buona settimana a tutti e a presto

Leyla

mercoledì 10 marzo 2010

Riepilogo



Buon giorno a tutte,

sono stata assente dal blog per una settimana, ma ho visitato i vostri e devo dire come sempre che trovo delle vere meraviglie.

Il motivo della mia assenza é dovuto ad un'inaspettata settimana di vacanza, infilata proprio prima che si ricominci a lavorare a pieno ritmo in quanto l'albergo riaprirà il 17 marzo, anche se hanno già cominciato oggi con le pulizie alla grande.

Quando ho preso questa settimana di vacanza pensavo che avrei cucito tante coperte da scaldare tutta l'Islanda, invece.... non riuscirei nemmeno a scaldare uno dei nuovi nati dei miei amici, e sono stati molti quest'inverno.
Benvenuti : Diego, Simone, Patrick e Linda.

Non ho cucito niente, pensavo che al nostro incontro del martedì almeno avrei cucito oltre che chiacchierato, ma le mie amiche hanno dovuto disdire, quindi niente nemmeno da questo fronte.

Comunque sono riuscita a vedere il fondo della mia cesta della biancheria sporca, ho pile e pile di roba stirata, ho scoperto il vero colore dei miei pavimenti, ho buttato tanta robaccia, ho fatto parecchi sacchi di vestiti che non andavano più a nessuno e ho cucinato alla grande.
Per smaltire tutto quello che devo fare avrei bisogno di mesi di vacanza, ma grazie anche al metodo Flylady che seguo da un po', vedo la luce in fondo al tunnel.

Da lunedì ho ripreso a lavorare, quindi si rientra nei soliti ritmi, si lavora, si corre, ma almeno ho ripreso a cucire e ho finito il regalo per mia sorella che fa il compleanno oggi :

TANTI AUGURI GIO

Anche se oggi qui nevica ancora, ho messo la foto di una borsa che avevo fatto per uno scambio autunnale, sto sfruttando alcune fotografie di carattere decisamente autunnale-natalizio, ma sto anche fotografando i lavori in corso che presto vi mostrerò.

Per adesso buona settimana a tutti e a presto

Leyla

giovedì 25 febbraio 2010

Donate gratuitamente un clic

Molte di voi hanno già ricevuto da parte mia questa mail, ma voglio dedicargli un post, perché se davvero con così poco, un solo clic, si riesce a tenere aperto un sito di importanza vitale per tutte noi donne, trovo che non ci costi nulla.

Vi ringrazio di tutto cuore.

Leyla

Vi chiedo un favore, ma ci vuole solo un minuto.

Dite a 10 amiche di dirlo ad altre 10!

Il sito on-line della ricerca contro il cancro al seno é in difficoltà perche' non ci sono abbastanza persone che accedono al sito ogni giorno per raggiungere un numero di accessi che permetta loro di ottenere, daglisponsor,una donazione per almeno una mammografia gratis per donne che non se la possono permettere.

Ci vogliono pochi secondi per andare sul sito e cliccare sul bottone 'donating a mammogram' SENZA NESSUNA SPESA. (E' il bottone rosa nel mezzo della pagina con scritto it's free) Non vi costa nulla. Gli sponsor che sostengono il sito usano il numero diaccessi giornalieri per donare una mammografia in cambio della pubblicità che appare sul sito.

Questo e' il sito. Fategirare tra la gente che conoscete.

E ancora una volta, dite a 10 amiche di dirlo ad altre 10!

GRAZIE

martedì 23 febbraio 2010

Riassunto


Buongiorno a tutti,

per non smentirmi sono in ritardo con la pubblicazione del riassunto, però trovo che ho lavorato molto sul fronte creativo.
In effetti settimana scorsa ho rubacchiato un'oretta al giorno per andare a chiudermi nel mio locale, ed ho potuto ritagliarmi del tempo da dedicare alle mie adorate stoffe.

Un bel po' di tempo fa, Franca una mia carissima amica, che abita a pochi passi da casa mia ed ha una grande casa nel nucleo vecchio del paese, mi ha dato un locale tutto mio con entrata indipendente nel quale potevo rifugiarmi a cucire.
Ci sono voluti un po' di mesi per risolvere i problemi logistici e per superare il mio periodo no di alcuni mesi fa, ma adesso dopo averci lavorato non molto, ho potuto trasferire il mio locale creativo.
Più che dire trasferire, dovrei dire organizzare, in quanto prima avevo tutto ammassato in camera mia, ed ogni volta che volevo cucire, cucivo sul tavolo da pranzo, mettendo via tutto ogni volta.
Spesso non cominciavo nemmeno per non avere in giro tutta quella roba, e poi non trovavo mai la stoffa che cercavo, o il modello o il filo da quiltare del tal colore.....

Adesso invece sono molto più organizzata, anche se non al 100%, in quanto ho ancora parecchie cose che mi girano per casa, ma sono già a buon punto.
Ho un tavolo molto ampio che mi permette di cucire, tagliare e stirare comodamente.
Ma sopratutto quando faccio un salto li, taglio qualche striscia, cucio qualcosa e posso lasciare tutto li, pronto ad aspettarmi per la prossima volta che ho un po' di tempo.

Da settimana scorsa mi trovo una sera alla settimana con due mie amiche per cucire assieme, e tra tanto cucito, un te, molte risate e anche qualche punto da disfare e rifare riusciamo a fare le ore piccole.

Comunque una delle cose che mi piacciono di più del mio locale é la vista, sto aspettando una bella giornata di sole per fare una foto per potervela mostrare.

Per quanto riguarda il riassunto, ho cucito i quadretti dei due pannelli che voglio fare, quello rosa per mia mamma ho già applicato la Miss Sunshine e l'ho cucita con il punto festone, mentre quello blu che rimane a me, l'ho applicata con la termoadesiva in attesa di cucire anche questo a punto festone.
Ho preparato un mini pannello da regalare ad un imminente compleanno, devo solo quiltarlo e fargli il bordo, ma ho due settimane buone di tempo e penso di riuscirci.

La foto di oggi l'ho scattata una mattina presto all'inizio di gennaio sul lungolago di Lugano mentre stavo andando a lavorare, ci sono ancora le decorazioni Natalizie.
Comunque la foto si accorda con il clima odierno, perché dopo aver graziato il nostro Carnevale sabato, siamo ripiombati nelle giornate uggiose, a tratti anche nevose.

Buona settimana a tutti e a presto
Leyla

lunedì 15 febbraio 2010

Riassunto del Lunedì


Buon giorno a tutte,
lo so, non credete ai vostri occhi, riesco a rispettare il giorno in cui mi ero ripromessa di fare il riassunto, da non crederci !

Questa settimana ho principalmente terminato di quiltare il pannello con le girandole, mi manca solo di quiltare il bordo, perché mi sembra troppo bianco e quindi volevo fargli una decorazione con un filo da quilt colorato che ho preso qui, non entro nei particolari perché vorrei parlarne in un post futuro.

Ho inoltre tagliato le stoffe per fare la Miss Sunshine (rif. # 60) che ho comperato al Patty Quilt Garden, per il momento vorrei farne due pannellini, uno per me e uno per al mia mamma, ma penso che magari per la festa della mamma le farò anche una striscia per il comò.

La borsa della foto é un lavoro che ho fatto da Barbara, é fatta in feltro, veloce da fare e abbastanza facile, diverse mie amiche mi hanno chiesto di fargliene una, adesso so cosa regalare per alcuni compleanni.
Principalmente avevo pensato di usarla come borsa portalavoro, ma si sfilaccia abbastanza e non vorrei rovinarla troppo, penso quindi che diventerà una borsa porta lavoro ma a maglia, che non porto sempre con me.
Infatti, chi mi conosce sa che giro sempre con qualche lavoro in corso, o porto a casa qualche cosa da cucire davanti alla tele, o porto nel mio "locale" le cose da cucire a macchina, da tagliare o da assemblare.

Per oggi é tutto, vi auguro una buona settimana e a presto

Leyla

martedì 9 febbraio 2010

Riassunto del .... della settimana

Anche per questa settimana ho cambiato il titolo del post, in quanto mi sono dedicata al cucito, ma non ho avuto tempo di postare ieri.
  1. finito il top e fatto il "sandwich" del pannello Natalizio
  2. fatto il "sandwich e cominiciato il trapunto del pannello delle girandole
  3. fatto il top del pannello di S. Valentino
La foto é quella del top del quilt che sto facendo per la mia mamma, mi manca solo di mettere l'imbottitura e la stoffa dietro, in seguito sarà la volta del trapunto, che non ho ancora deciso come fare.
Essendo sul tema delle rose, come potete vedere dal particolare sotto, avevo pensato di trapuntare delle rose nei quadrati in tinta unita, poi vedo altri modelli e mi lascio influenzare, ma sono sicura che una volta imbastito (e qui aspetto un pomeriggio che mia sorella o mia zia abbiano voglia di sacrificarsi) mi verrà la giusta ispirazione.




Sto facendo la quiltatura al pannello delle girandole alla sera mentre guardo la televisione e devo dire che mi piace molto come mi stà riuscendo, spero di potervelo già mostrare la settimana prossima.
Per oggi é tutto, ci sentiamo presto

Leyla


venerdì 5 febbraio 2010

Nevica !!!


Gironzolando per i blog, ho visto che ha nevicato praticamente dappertutto, tranne che da noi, invece stamattina appena alzata ho visto che era arrivata fino a qui.
Mi piace moltissimo la neve, lo so che crea parecchi disagi e costi, ma quando sono uscita stamattina prestissimo da casa e ho visto tutta quella neve, così pulita dove nessuno aveva ancora camminato non ho certo pensato ai disagi, anche se ho dovuto uscire prima del solito per arrivare in orario al lavoro (così sono arrivata con larghissimo anticipo), ma mi ha dato una sferzata di energia.

La foto non é quella di questa nevicata, ma di un mesetto fa, infatti come bene sapete non riesco a postare direttamente con le foto, ma le devo caricare a parte.
L'ho scattata vicino a casa mia un pomeriggio che sono andata a spasso con le mie figlie.

Tutte e due hanno ricevuto la macchina fotografica per Natale, la portano sempre con loro, e spesso escono a fare delle passeggiate a "caccia di foto", devo dire che ne fanno veramente di belle, sopratutto quelle che si scattano a vicenda.
Quando mi vedono con la macchina fotografica non vogliono mai farsi riprendere, ma fra di loro ridono, giocano, se le fanno di sorpresa... e i risultati sono davvero belli.
A volte catturano particolari di cose che vediamo ogni giorno e che non risultano interessanti perché le abbiamo sempre sotto agli occhi, ma "acchiappate" da una foto dicono molto.

Preferisco le foto ai filmini, perché mi piace di più cogliere l'attimo, ho sempre la macchina fotografica nella borsa, perché come ho letto su un blog che seguo :
"Fare fotografie digitali é come colpire con una mitragliatrice. Se usciamo ogni giorno, accendiamo la fotocamera e mettiamo continuamente a fuoco la nostra vita, prima o poi, siamo destinati a colpire qualcosa." (tradotto liberamente)

Mi piacciono molto le macchine digitali, anche se mi piaceva molto quando ritiravo il pachetto delle foto sviluppate e si aveva la sorpresa si scoprire alcuni scatti dimenticati.
Adesso ne stampo poche, quelle per i parenti e quelle che servono alle mie figlie per le varie attività.
Quando le scarico le separo in cartelle personalizzate, ripromettendomi ogni volta di stampare quelle che mi sono piaciute di più, cosa che per adesso non faccio quasi mai.
Ho sempre avuto una Nikon non digitale che secondo me era favolosa, poi appena sono uscite le digitali ne ho ricevuta una che ho sfruttato alla grande.
Chiaramente in 5 anni la tecnologia ha fatto passi da gigante, e le macchine che Lucrezia e Anastasia hanno ricevuto hanno una marea di funzioni in più della mia nonostante siano degli apparecchi "base".

Mi piacerebbe comperarmi una Nikon digitale per il mio compleanno e stò mettendo da parte tutti i buoni spesa della Migros (i cumulus, chi vive in Svizzera sa di cosa parlo, sono un po' come i punti spesa dei supermercati) e sono sicura che per agosto riuscirò ad avere abbastanza buoni per non sentirmi in colpa per un acquisto per me così importante (in tanti sensi).
Vedrete poi che foto allegherò ai miei post !

Per adesso buon fine settimana a tutte e a presto

Leyla

mercoledì 3 febbraio 2010

Riassunto del ..... mercoledì



Buon Giorno a tutte,
ecco come promesso il riassunto anche se in ritardo.

Intanto la foto del post, é il pannello a triangoli giallo-arancio, primo UFO di quest'anno che ho finito, mi é piaciuto molto fare questo mini quilt, sono sicura che ne farò altri con questa tecnica, facile (adesso che ho imparato il trucco), che da un bel effetto e che é molto veloce da relizzare.
E' rimasto un UFO a lungo in quanto ne avevo fatto un altro molto simile a questo per uno scambio di miniquilt al quale avevo partecipato, mi era piaciuto il risultato e con gli avanzi ne volevo fare uno per me, ma nel frattempo avevo avuto nuove ispirazioni e dopo aver fatto il top, l'ho messo nel pozzo senza fondo dei lavori da finire.

Questa settimana i miei progressi sono :

  • finito il mini quilt a strisce giallo - arancio
  • finito il top delle girandole
  • assemblati i quadrati del pannello di Natale (!)
  • cucite le strisce di un quilt per il momento top secret
Come potete vedere ho lavorato abbastanza bene, cercando di ritagliarmi ogni giorno un momentino per cucire, e pian piano vedendo i risultati sono sempre più invogliata a continuare.
Ho anche messo in ordine tutte le stoffine separandole per colore, che come tutti voi sapete non sono mai abbastanza, e quelle che non abbiamo spesso sono proprio quelle che avremmo bisogno.....

Per oggi é tutto, ci sentiamo nei prossimi giorni, a presto

Leyla

martedì 2 febbraio 2010

Post del lunedì spostato a mercoledì



Care amiche,
per questa settimana sposto il riassunto del lunedì al mercoledì, anche se oggi é martedì, non perché non ho lavorato, ma proprio perché ho moltissimo da farvi vedere e voglio anche mettere qualche foto.

Come potete vedere, ho rifatto il vestitino al mio blog, ero stufa del marrone, anche se questo non rispecchia totalmente quello che stavo cercando.

Per il momento lo lascio così, ma penso che lo ricambierò prossimamente, anche se considero già una grossa vittoria essere riuscita a cambiare lo sfondo senza perdere tutto quello che avevo fatto in precedenza.


Ho trovato una cartina geografica del mondo che permette di vedere la provenienza dei miei visitatori, la maggior parte attualmente dall’Italia, e di questo ero praticamente sicura, poi dalla Svizzera, mia nazione, alcuni dal resto dell’Europa, e pensate un po’ anche dall’America, ma pian piano si stanno aggiungendo altri paesi.


La foto che ho messo per questo post l’ho pescata dal sito della bravissima Lucy, che fa dei quilt che mi piacciono molto, compresi i mini quilt (o doll quilt), che per chi non lo sapesse sono dei veri e propri quilt ma in versione piccola.

Anche lei a sua volta aveva pescato la foto dal web, per cui mi scuso ma non so dire a chi appartiene.


Mi piacerebbe avere una parete così di mini quilt o di quilt da parete, ne ho già alcuni, e appena termino un paio di lavori in corso ve li mostrerò.
A volte é difficile lavorare così in piccolo, ma essendoci tanti blocchi che mi piacerebbe fare, comincio a farli in piccolo, tanto da averli come "esempio", diciamo una sorta di promemoria su stoffa.

Ci sentiamo domani per l'aggiornamento, nel frattempo buon martedì a tutti.

Leyla


lunedì 25 gennaio 2010

Riassunto del lunedì

Bene siamo alla quarta settimana e io continuo a mantenere i miei buoni propositi :
  1. Ho finito il mini quilt con le stelle
  1. Mi mancano pochissimi punti per il mini quilt a strisce giallo – arancio
Mi sono dimenticata di dire nel riassunto precedente che mi piacerebbe “studiare” un nuovo blocco a settimana, partendo da settimana scorsa.
Ho vista nel negozio della mia amica Gio una bellissima stoffa con le girandole, e nel web parecchi quilt fatti con in diversi modi, e mi sono un po’ intestardita su uno in particolare, ma non mi riesce, in effetti tutti gli sforzi fatti hanno prodotto risultati penosi.
Mi sono lanciata allora su uno più facile, aiutata anche dalla riga per triangoli, ve lo mostro nei prossimi giorni.
Mi riservo comunque di sfruttare la stoffa con le girandole anche per fare il bordo di un blocco visto qui, sito ricchissimo di blocchi e suggerimenti.
Ho moltissime idee e poco tempo, ma mi auguro di poterle realizzare, anche se non tutte almeno alcune.

Buona settimana a tutte e a presto

Leyla

giovedì 21 gennaio 2010

La cattedrale del Mare



Racconta la storia di Arnau che si intreccia con la costruzione della Cattedrale del mare dedicata a Santa Maria del Mar.
Il periodo in cui si ambienta, il XIV secolo, è un epoca ricca di avvenimenti, la lotte per conquistare il controllo dei mari, le lotte fra regnanti, e l’Inquisizione che minaccia il fragile equilibrio fra la religione cattolica, quella ebrea e quella mussulmana.
Arnau vivrà fra alterne fortune ma sempre dedicando la sua vita alla “sua” cattedrale.
Ho letto parecchie recensioni, o negative, di chi l’ha trovato tedioso, lungo e noioso o positive di chi l’ha amato e di chi come me lo reputa un libro bellissimo.
L’ho ricevuto in prestito da mia zia, e dopo di me l’ha letto mia mamma e due mie amiche e tutte lo reputiamo uno dei migliori libri che abbiamo letto.
Un libro che nonostante le 600 e più pagine rileggerei molto volentieri e che mi ha assorbito dalla prima all'ultima pagina.
La cattedrale del Mare - Ildefonso Falcones

martedì 19 gennaio 2010

Un pensiero per te

Ho ricevuto nei commenti al mio post di ieri un messaggio di Sabrina relativo alla mia iscrizione al gruppo un pensiero per te.
Mi sono iscritta a questo gruppo credo in primavera dell'anno scorso, siamo partite che eravamo ca 18, al mese di maggio una partecipante mi ha mandato una mail personalmente dicendo che Sabrina mi cercava, e mi ha mandato una copia della mail che lei aveva ricevuto dove c'era scritto che non mi trovava e che le mail al mio indirizzo erano tornate indietro.
Ho scritto a Sabrina dicendo che c'ero e dandole il mio indirizzo di casa, qui in Svizzera.
Come forse molte di voi avranno capito dalla mancanza di post, ho avuto qualche difficoltà, e sono stata a lungo assente dal blog.

Chi mi sta vicino sa i motivi, alle amicizie vere nate sul blog ho spiegato, per gli altri credo che sia sufficiente sapere che ero “assente”.

Verso il 9 ottobre (vigilia del quinto anniversario della morte di mio fratello e del sesto funerale in famiglia in 5 anni, alcuni dei motivi per cui ero “assente”) ho ricevuto da mia suocera (a casa sua in Italia e uno in Svizzera) da Sabrina, Francesca, Betta, Marina e Elena i regali un pensiero per te.

Ho ringraziato Sabrina per mail e le ho detto che avevo spedito a : Idiva, Simmyc, Lara 76, Marta Anzolla e Francyanna, chiedendo se avevano ricevuto visto che avevo avuto parecchi problemi con il mio “speditore sostituto”.

Mi ha risposto lo stesso giorno dicendo di lasciar perdere Marta Anzolla, Bettin e Chasya che si erano ritirate dal gruppo.

Verso Natale ho ricevuto sempre a casa di mia suocera un pacchetto di Kat, che diceva che le era tornato parecchie volte, ho provveduto a ringraziarla, così come ho fatto con le altre che mi avevano spedito.

Al mio indirizzo timoerosmarino@hotmail.it ricevo le mail di tutti i gruppi a cui sono iscritta, tranne quello un pensiero per te, ricevo anche le risposte che gli appartenenti ai vari gruppi, (tra cui Sabrina) si mandano per gli aggiornamenti, gli auguri e le varie chiacchiere, non mi è mai successo, tranne con il gruppo in questione di non ricevere le mail.

Mi auguro di essere tornata a pieno ritmo e mi impegno ad onorare quest’anno di pensiero per te, che come giustamente Sabrina mi fa notare avevo dato la mia parola, manderò anche a chi si è ritirato, perché mi sembra che da due di loro io ho ricevuto, mi scuso molto per i ritardi e gli inconvenienti.

Questo è uno dei motivi per cui non mi sono iscritta a nessun nuovo scambio o gruppo e non ho nessuna intenzione attuale di iscrivermi ad altri scambi, tralascio gli altri motivi per non fomentare inutili polemiche.

Ho aperto questo mio blog per condividere esperienze, lavori e per stare a contatto con persone che condividono le mie stesse passioni, in quanto non è facile a causa dei vari impegni trovarsi con le amiche “reali” a creare.

Ho sempre cercato di impostare i miei post senza commenti di carattere politico (anche se ho le mie idee), ne religiosi (anche se ho una mia fede) ma soprattutto cercando di non entrare in dibattiti fra altri blog ne prendendo le parti in caso di discussioni.

Ho tolto dalla mia lista di blog alcuni che mi sembravano troppo polemici o che cercavano di “fare le scarpe” ad altri, penso che tutti dobbiamo confrontarci giornalmente con chi sgomita, chi scavalca e chi grida non per dire la sua ma per prevaricare; e vorrei evitarlo almeno per quanto riguarda questa oasi creativa che credo di aver creato con parecchie di voi.

Mi piacerebbe poter mantenere il mio blog improntato sulla leggerezza e sulla voglia di volare un po’ via dalla quotidianità, spesso così stressante e pesante.

Ma mi sembrava anche doveroso specificare la mia posizione in base al commento lasciatomi.

Buona giornata

Leyla

lunedì 18 gennaio 2010

Riassunto del Lunedì


Buon inizio settimana a tutte.
Ho ricominciato a naviagare a pieno ritmo ed ho avuto il tempo di curiosare a fondo sui vostri blog, quante idee ! quanti spunti !
Mi é tornata un incredibile voglia di fare e di creare.
Ho visto :
il calendare quilt mi sono già venute parecchie idee, ma mi do ancora qualche giorno (anche se ho già tagliato e cucito le prime strisce di gennaio...)
il design Wall Monday dove ogni lunedì mostrano i lavori patchwork che hanno appeso al muro, se qualcuno per un po' ha sempre lo stesso disegno viene spronato (nel senso positivo del termine) ad "andare avanti"
il Friday block party che ogni venerdì presenta un nuovo blocco della settimana
il Block a day 2010 che presenta un blocco al giorno tratto da un calendario
il Dear Jane Italia che propone un blocco della settimana della mitica coperta
e il one a day che a dire la verità é dell'anno scorso ma mi era piaciuta l'idea di fare un blocco "nine patch" ogni giorno e ritrovartene li una bel numero di assemblare dopo un paio di mesi (o tre).

Armata di buona voglia ho deciso di ritagliarmi tutto il sabato pomeriggio che sono a casa fino alle 17.00 senza le ragazze (non perché disturbano, ma perché vogliono creare anche loro, ma di questo parlerò prossimamente) da dedicare completamente ai miei Hobby, che come potete vedere dal primo "paragrafo" di questo post sono attualmente più verso il patchwork.a

Ho sistemato un po' i lavori che avevo in giro e ho deciso che avrei fatto una lista con gli UFO da pubblicare sul mio blog, dopo aver fatto la lista (e non averla per il momento completata) ho pensato che per non deprimermi e vergognarmi non la pubblico nemmeno sotto tortura....

Ho deciso quindi che di non iscrivermi per il momento a nessuna nuova attività (anche se molto a malincuore) ma di mantenere una mia linea di lavoro costante, e dvo dire che comincia già a dare i suoi frutti.
Il mio buon proposito per il 2010 é che posso cominciare qualche cosa di nuovo se riesco a trasformare un UFO in WIP ogni settimana e di fare il riassunto al lunedì (da qui il titolo del post).

  • 1a settimana : finito il mini quilt con i triangoli giallo arancio !
  • 2a settimana : fatto il "sandwich" ed il trapunto al mini quilt delle stelle, fatto il "sandwich" del mini quilt delle strisce giallo-arancio
  • 3a settimana : finito il top del quilt delle rose per i 60 anni della mia mamma (settimana scorsa), da qui la foto della pochette sopra con la stessa stoffa
Per adesso ho mantenuto il mio buon proposito 2010, (ahimé, la lista degli UFO rimane sempre incompleta e lunghissima) e non ho ancora iniziato niente di nuovo (anche la lista dei lavori che voglio fare in futuro si allunga a vista d'occhio), aggiungete il fatto che mi prudono le mani dalla voglia di creare qualche cosa di nuovo, ispirata dai vostri blog, dai giornali e da un ricco bottini di libri patchwork scovati in una libreria dell'usato, capirete che é davvero dura resistere.

Per adesso buona settimana a tutte e a presto.

Leyla

martedì 5 gennaio 2010

1° post del 2010


Per questo primo post del 2010 metto una foto che ho scattato dal Castel Grande di Bellinzona,
non é collegata a questo post ma mi piaceva metterla.

Sono stata assente per molto tempo sia dal mio che dai vostri blog, anche se ogni tanto davo qualche pigra sbirciata.
Esortata anche dalla simpaticissima Elena che ringrazio di tutto cuore per avermi corrotta con una regalo natalizio goloso riprendo a scrivere su questo mio povero blog abbandonato.

Non so se avete notato, ma ho modificato un po' i blog che seguo, separandoli fra ricamo, patchwork e diversi.
Questo perché a volte ho voglia di una cosa e a volte di una altra.
Ho fatto un po' di pulizia nel senso che ho tolto parecchi blog che non esistevano più, blog con i quali faccio fatica a connettermi perché non riesco a caricarli e anche qualche blog che seguivo e che magari attualmente parla di argomenti diversi dai miei interessi di questo momento.
Sono sicura che ho tolto anche qualche blog che mi piaceva, perché non é che durante questa assenza io sia migliorata in informatica ...
Nei prossimi tempi ricomincerò a visitarvi e aggiungerò qualche nuovo blog ai miei preferiti, perciò chi non si ritrova nell'elenco non disperi !

Volevo festeggiare le 10'000 visite e il primo compleanno del mio blog, ma sono capitate in questo periodo un po' così e io devo ancora inviare i regali di 2 PIF e rifare alcuni pacchetti svaniti, durante queste festività ho avuto anch'io qualche giorno di vacanza e mi stò pian piano mettendo in pari.

Ho spedito la tappa inverno dello swap 4 stagioni ed ho ricevuto una bellissima tegola in legno con un motivo invernale da parte di Valeria.

Quello era l'ultimo swap che dovevo inviare (a parte i recuperi per i pacchetti mancanti), per il momento non sono iscritta a nessuno swap e penso di astenermi per un po', dovendo fare e rifare i vari pacchetti mi sono accorta che avevo sempre meno tempo e voglia di lavorare per me.

Ho diversi progetti in cantiere (tanti come al solito), ma di questo vi parlerò nei prossimi post.

a presto

Leyla